Archivio di aprile 2010

Agugliano: Un paese in cui governa la destra ma che risulta di sinistra….

Il comune di Agugliano, è uno dei tanti casi Italiani, che amministrativamente è goveranato dal centro-destra, ma che in caso di elezioni importanti si dimostra di centro sinistra. Difficile decifrare come sempre i risultati al livello locale (comunali) con quelli al livello regionale o nazionale (europee), ma un’analisi di voto è utile farla.

A questo link, troverete un piccolo riassunto in PDF da consultare rapidamente.

Non ci dilungheremo in grandi discorsi statistici di dati al livello nazionale o che altro; questo breve articolo serve a tutt’altra cosa!

Volevamo sottolineare la forte astensione che ha colpito anche il nostro Comune, con un calo di votanti pari a circa il 16 %. Un calo vistoso da difinirsi quasi record.

Andando ad nalizzare invece il voto in se per se, e come già preannuncia il titolo, notiamo invece un crollo della destra – centro destra ne nostro Comune, (-5.0% circa rispetto alle europee e -12.0% circa rispetto alle comunali ) e un rinvigorimento della sinistra – centro sinistra (+4.0% rispetto alle europee e circa +12.0% rispetto alle comunali ).

Analizzando i dati nello specifico e tenendo in considerazione che a livello comunale conta molto la persona che viene eletta Sindaco ed i Candidati in lista, notiamo come la lista del Sindaco Lombardi eletta con 52% circa, registrerebbe un calo di circa il 6-8% in questo primo anno di governo, mentre la lista Vivere Agugliano guadagnerebbe circa il 5-7% dei consensi. La nostra lista tiene bene…
Andando infine ad analizzare i voti per circoscrizione notiamo come il “Feudo Lombardiano” (la circoscrizione 1) rimane comunque la piu’ a destra con un 47% crica a favore del centro destra e un 51 % circa per il centro sinistra unito. I voti a sinistra sono pari al 9.63% con un aumento del 2% rispetto alle comunali. Nelle altre circoscrizione il centro sinistra (unito) vince abbondantemente rispettivamente con il 63% circa nella circoscrizione 2, il 58% circa nella circoscrizione 3 e 61% circa nella 4.
Inutile sottolineare che il centro destra sia inferiore e navighi tra il 30 ed il 35%.
La sinistra registra invece un 9.16% nella circoscrizione 2, con un calo dll’ 1%, l’ 11.24% nella circoscrizione 3 in cui risulta stabile e infine un 10.6% nella circoscrizione 4 in cui perde 1% dei voti.

L’andamento dei voti è stato omogeneo in tutte le circoscrizioni e si potrebbe ipotizzare che finalmente anche l’aria nel nostro paese sembra cambiare, anche se ancora molto è il lavoro che ci aspetta.